“Invertiamo la rotta” con Avv.Amato e Povia a Cologno Monzese

Standard

Successo spettacolare per “Invertiamo la rotta”, andato in scena sabato a Cologno Monzese.

Insieme agli amici Avvocato Amato e Giuseppe Povia abbiam vissuto una serata ricca di significati e riflessioni sulla direzione che ha preso la nostra civiltà e su come non ci sia un domani possibile se si continuerà a seguire quella strada che ha dimenticato la Famiglia e la Comunità e che non sta mettendo al centro del suo operato la tutela dell’ Infanzia.

Siamo in prima linea e ci saremo sempre per salvare l’innocenza dei più piccoli !!!

 

Share

Identità contro Ideologia: come il gender vuole sostituirsi all’uomo e alla donna

Standard

Sala piena ieri sera a Melegnano, come spesso accade di questi tempi quando si toccano tematiche come Famiglia, Infanzia e minacce come l’ideologia gender.

Ad introdurre per entrare subito nel vivo della questione il Dott. Daniele Torri, medico bioeticista, che ha argomentato in modo scientifico delle verità oggi assurdamente negate, come la peculiare e innata identità sessuata dei bambini maschi e femmine, il cui delicato percorso di crescita per diventare uomini e donne è oggi reso sempre più confuso;
ha seguito l’intervento di Jari Colla, Consigliere Regionale per la Lega Nord, che ha esposto quanto la giunta regionale lombarda ha fatto in questi anni a supporto della famiglia e in contrasto alle teorie di genere, soprattutto nel mondo dell’istruzione;
infine l’intervento di Patrizio Bertoni ha riassunto la posizione di Bran.Co Onlus riguardo al tema, posizione che non può essere che preoccupata e fortemente volta a difendere la Famiglia come “Patria del cuore”, cellula della Comunità e primo ambiente sociale dove i bambini hanno il diritto di crescere e sviluppare le fondamenta della propria identità, atto oggi negato da quel pensiero fluido e omologante promosso da mezzi di informazione e finanziato da grosse case farmaceutiche, da aziende del controllo delle nascite o chirurgia plastica, con l’unico obiettivo di fare business sulla pelle dei nostri figli e controllare il futuro dell’umanità stessa.

La battaglia prosegue, restate aggiornati !

 

Share

La difesa della famiglia e della vita generata dai due sessi – a Magenta

Standard

Difesa della Famiglia e della Vita fondata sui due sessi:
argomenti che sui media ufficiali sono vittime della censura del pensiero unico ma che in una città come Magenta hanno visto mercoledì sera la sala conferenze di Casa Giacobbe gremita di più di ottanta persone.

A salutare i convenuti il Dott. Patrizio Bertoni, referente di Branco ONLUS – Dipartimento Tutela della Famiglia, ricordando come l’associazione abbia nei suoi principi fondanti la difesa della famiglia come fondamento della Comunità Nazionale, e la radicale opposizione a tutti i tentativi di mettere in discussione l’identità dell’individuo con conseguente scardinamento della società: “Una società liquida, dove viene negata l’identità della persona, che viene svincolata dai concetti di Dio, Patria e Famiglia non può che essere una società di consumatori in preda al mercato globale: l’ideologia gender si inserisce in questo fenomeno di distruzione dell’identità. In questo modo si crea una società morta: noi ci opponiamo perché crediamo di essere i portatori di una Fiamma dataci in consegna dai nostri padri per i nostri figli”.

L’ospite della serata, l’Avvocato Gianfranco Amato, segretario nazionale del Popolo della Famiglia e presidente dell’associazione Giuristi per la vita, ha premesso come attualmente “Vi è il tentativo di considerare la famiglia come una costruzione socio-culturale, quando dalla preistoria, passando per la cultura greco-romana fino al Cristianesimo, è constatabile storicamente come l’istituto famigliare composto da padre, madre e figli sia un dato pre-politico e pre-giuridico, assolutamente naturale. I tentativi politici di stravolgere la realtà naturale hanno sempre fallito”. In maniera coraggiosa e con documentazione alla mano Amato ha illustrato come l’ideologia Gender stia in maniera subdola avanzando nell’ambito giuridico, culturale e pedagogico: modelli educativi e culturali che sono stati sperimentati con rovinosi risultati nei paesi anglosassoni e scandinavi, ad esempio con un vertiginoso aumento delle violenze sessuali dovute ad una precoce sessualizzazione dell’infanzia. Denunciando come dietro tutto ciò vi siano interessi finanziari ed economici dei poteri forti che sono interessati a creare una società composta da individui privi di qualunque legame e di qualunque identità, sempre con documenti alla mano è stato dimostrato come le principali agenzie di costume – ad esempio il canale televisivo americano Real Time con la sua trasmissione sui bambini transgender – stanno sdoganando presso la gioventù occidentale questa visione relativizzata della sessualità e della famiglia.

A questa deriva che dimostra ancora una volta come in Italia vi sia una totale distacco tra la cultura del politicamente corretto propinata dai canali ufficiali e l’appello alla verità, che tra la gente sicuramente non ha smesso di trovare riscontro e partecipazione.

Leggi anche l’articolo su Ticino Notizie !

Share

“L’Uomo, la Donna… e il genere” incontro pubblico a Crema

Standard

Bran.Co Onlus ringrazia tutti gli intervenuti all’incontro “L’Uomo, la Donna,… e il genere“.

Insieme ad AESPI e a Riscossa Cristiana abbiam cercato di riassumere un’intera visione ideologica del mondo che mira a distruggere l’identità sessuata, il legame famigliare e matrimoniale, la Patria e in ultima analisi l’Uomo stesso con quelle sue radici in grado di tramandarsi dal passato al futuro.
Un ringraziamento davvero sentito al titolare del Barcelonacafe Crema per aver ospitato questa serata ed aver presentato il suo progetto benefico “Tutti insieme contro la SLA” di raccolta fondi per il Centro Clinico Nemo – ospedale di Niguarda.

Per informazioni: famiglia@bran-co.it

Share